LA DIETA DELL’ACQUA

Con l’estate si sente il bisogno di alleggerire e rendere anche più fresca la nostra dieta.
Il nostro corpo è costituito per il 60% di acqua e quindi non bisogna dimenticarsi di berne a sufficienza, specie d’estate.
L’acqua può essere considerata a tutti gli effetti un alimento: disseta, ma apporta anche elementi necessari ai muscoli, cervello, ossa, cuore, aiuta a depurare l’organismo ed anche a mangiare meno.
L’acqua inoltre è presente negli alimenti come verdura e frutta, assunti di frequente nella dieta estiva.
Ecco le proprietà salutistiche e le regole per inserirla nei menù detox ed idratanti che aiutano a sentirsi in forma.

QUANTO BISOGNA BERE

• Un millilitro per ogni caloria assunta con il cibo, quindi per una dieta da 2000 calorie bisogna bere 2 litri di acqua, corrispondenti a circa 8 bicchieri di acqua al giorno; un altro parametro corretto è assumere 35 ml/kg peso corporeo.
• L’istituto di ricerca per gli alimenti e la nutrizione ha emesso una piramide dell’idratazione analoga a quella dell’alimentazione. Alla base c’è l’acqua da bere in quantità e poi tisane, tè e le sue varianti (verde, nero, bianco), caffè d’orzo, verde e normale, fino ad arrivare ai centrifugati, estratti di verdura e frutta.

LEGGERE L’ETICHETTA

Ci sono vari tipi di acqua che si distinguono in base al residuo fisso. Il contenuto dei sali minerali determina le caratteristiche dell’acqua:
-bicarbonata se i bicarbonati superano i 600 mg/l
-calcica se il calcio è maggiore di 150 mg/l
-magnesiaca se il magnesio è superiore a 50 mg/L
-iposodiche con sodio < a 20 mg/l
Inoltre si dividono anche secondo il residuo: se il residuo è inferiore a 50 mg/l , l’acqua è minimamente mineralizzata, se è compresa tra 50 e 500 mg/l è oligominerale, ricca di minerali se supera i 1500 mg/l.

A CIASCUNO LA SUA

L’acqua può aiutare diverse problematiche di salute:
– Le acque minimamente mineralizzate od oligominerali stimolano la diuresi e contrastano la formazione di calcoli renali
– Le acque naturalmente effervescenti stimolano le secrezioni gastriche e aiutano chi ha problemi di digestione, mentre quelle ricche in solfati calcio e magnesio, aumentano il flusso biliare e aiutano il fegato a disintossicarsi
– Tutte le acque servono a contrastare la stipsi, ma ancora di più sono utili le acque ricche di magnesio che inoltre aiutano anche a contrastare i crampi addominali.
– Le acque solfate favoriscono l’assorbimento di calcio e aiutano a prevenire l’osteoporosi.

ACQUA E TECNOLOGIA

Lo sapevi che esistono delle app che ti ricordano di bere?
Ricordarsi di bere almeno un litro e mezzo o due litri di acqua al giorno può essere difficile. Esistono parecchie app in commercio che permettono di tenere sotto controllo, in modo molto semplice, quanto bevete in una giornata, ricordandovi di bere in caso ve ne dimentichiate facilmente. Una volta installato, questo programma vi chiederà di configurare alcuni parametri tra cui sesso, peso, altezza e stile di vita quotidiano, consigliando la giusta quantità di acqua da bere.

NELLA DIETA

Bere uno o due bicchieri di acqua prima dei pasti contribuisce a stimolare il senso di sazietà diminuendo la quota di cibo ingerita.
Non è che l’acqua faccia dimagrire, ma avere l’abitudine di bere prima dei pasti riduce il senso di fame ed induce a mangiare di meno.
Nella dieta dell’acqua oltre a bere un paio di bicchieri prima di mangiare, bisogna scegliere dei cibi ricchi di acqua come le verdure fresche come inizio pasto, che apportano inoltre sali minerali come potassio, magnesio, sodio e pochissime calorie. Il consiglio d’estate è di provare alcune combinazioni di verdure con semi, frutta secca e fresca che danno un tocco diverso alla solita insalata.
Molte verdure insolite, tagliate fini a julienne, possono essere utilizzate come verdure per iniziare un pasto (rape, barbabietole, daikon, germogli di soia e germogli in genere).

CIBI RICCHI DI ACQUA

L’acqua nel piatto: la stagione migliore per idratarsi mangiando è proprio l’estate!

Ecco alcuni tra i cibi con la più alta percentuali di acqua.
Cetrioli: sono prevalentemente costituiti da acqua (96,5%); perfetti per insalate, frullati, smoothie.
Ravanellli e daikon, anche conosciuto come ravanello cinese: hanno entrambi un sapore pungente, sono entrambi verdure con proprietà drenanti e depurative, ricche di Vitamina C, fibre solubili e sali minerali.
Lattuga: è costituita da acqua per il 96,5%;  saziante, ipocalorica, ricca di inulina e potassio, ha proprietà depurative.
Anguria e melone: sono i frutti più acquosi e contengono zuccheri; l’anguria è ricca di citrulina, di serotonina e di licopene.
Pomodori: sono ricchi di acqua, licopene, vitamina C, K, sodio, potassio e sostanze antiossidanti come luteina e zeaxantina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli
correlati

Spesso si sente parlare di indice glicemico di un alimento, ma chi di voi sa cosa significa? E soprattutto a che cosa serve? La glicemia Facciamo un passo indietro, iniziamo parlando di glicemia: con questo termine si indica la concentrazione del glucosio (lo zucchero circolante) nel sangue, misurato in mg/dl: i valori di norma, a […]

Discover

I ceci: conosciamoli meglio insieme Se credete di conoscere bene i ceci, sono qui per raccontarvi qualcosa che vi farà ricredere! Carta d’identità Famiglia: Fabaceae Genere: Cicer Specie: arietinum Nome e cognome: Cicer arietinum L. I ceci sono per l’esattezza dei semi derivanti da una pianta della famiglia delle Fabaceae ed appartengono al gruppo di alimenti dei legumi. Da […]

Discover

Con l’estate si sente il bisogno di alleggerire e rendere anche più fresca la nostra dieta. Il nostro corpo è costituito per il 60% di acqua e quindi non bisogna dimenticarsi di berne a sufficienza, specie d’estate. L’acqua può essere considerata a tutti gli effetti un alimento: disseta, ma apporta anche elementi necessari ai muscoli, […]

Discover