The “big” ravanello

LE ORIGINI

Raphanus sativus var. longipinnatus L.H. Bailey, noto commercialmente come daikon( “grossa radice”), è una varietà del ravanello comune originaria dell’Asia orientale. Ci sono molte varietà di daikon, la più comune in Giappone, la aokubi daikon: ha la forma di una grossa carota, di circa 20–35 di lunghezza, e di 5–10 cm di diametro.

IN CUCINA…

Il daikon ha un ruolo importante nella cucina giapponese: può essere servito in insalata, come guarnizione per piatti di sashimi, oppure marinato in aceto. Il daikon grattugiato, conosciuto come daikon oroshi, è popolare come guarnizione per piatti come il nattō. Cotto è spesso servito come ingrediente nelle zuppe di miso o in stufati come l’oden.

E’ un ingrediente importante anche in altre cucine orientali, come quella coreana, cinese, vietnamita o indiana, contiene alti quantitativi di vitamina C e l’enzima mirosinasi. Tale enzima viene utilizzato dalla pianta di daikon, ed in genere dai rafani e dalle brassicacee, per difendere i propri tessuti dagli attacchi dei parassiti.

I ravanelli sono spesso trascurati come ingredienti per le insalate ad esempio, ma offrono una miriade di benefici per la salute. Sono membri della famiglia delle Brassicacee con i cavoli, broccoli, cavolfiore e rafano, per citarne alcuni.

I VALORI NUTRIZIONALI

Una tazza di queste radici a fette crude (120 grammi circa) apportano: 20 Kcal, 4 grammi di carboidrati, 1.9 grammi di fibra, vitamina C, potassio e acido folico.

LE PROPRIETÀ

Il ravanello ha proprietà detossificanti aiutando a purificare il sangue dalle tossine e dai rifiuti e sembra in grado di stabilizzare i livelli di bilirubina del fegato.

La vitamina C contenuta in questa radice, è essenziale per la produzione di collagene, che è parte di ciò che costituisce la cartilagine del nostri corpi e che mantiene l ‘elasticità della pelle. Quando pensiamo alla vitamina C, spesso pensiamo alle arance, ma lo sapevate che i ravanelli sono in realtà alcuni dei cibi più ricchi di questa vitamina? Ne forniscono 17,2 milligrammi per porzione, ovvero circa il 29 % del fabbisogno giornaliero.
Inoltre possono essere utili per il mantenimento del peso corporeo: contengono una buona quantità di fibre aiutando a regolare i movimenti intestinali e a raggiungere sazietà, inoltre offrono un’aggiunta appagante al piatto

LA RICETTA

Insalata di daikon

Ingredienti per 4 persone

  • Daikon
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
    Salsa di soia q.b.

Lavare e pelare il daikon.
Ridurlo a sottili striscioline con grattugia per verdura, metterlo in una ciotola e condirlo con olio, aceto e salsa di soia.

 

Bibliografia

-Dr. JOSH AXE
-Effects of White Radish (Raphanus sativus) Enzyme Extract on Hepatotoxicity
Sang Wha Lee, Kwang Mo Yang, […], Wol-Soon Jo 2004.
-Antioxidant and choleretic properties of Raphanus sativus L. sprout (Kaiware Daikon) extract.
Barillari J, et al. J Agric Food Chem. 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli
correlati

I ceci: conosciamoli meglio insieme Se credete di conoscere bene i ceci, sono qui per raccontarvi qualcosa che vi farà ricredere! Carta d’identità Famiglia: Fabaceae Genere: Cicer Specie: arietinum Nome e cognome: Cicer arietinum L. I ceci sono per l’esattezza dei semi derivanti da una pianta della famiglia delle Fabaceae ed appartengono al gruppo di alimenti dei legumi. Da […]

Discover

Carta d’identità Cognome/Genere: Chenopodium Nome/specie: C.quinoa Classe: Magnoliopsida Famiglia: Chenopodiaceae Colore del chicco: giallo chiaro Caratteristiche principali: alimento semplicemente buono e nutriente Sicuri di sapere davvero cosa sia? Se come la maggior parte delle persone avete sempre etichettato la quinoa come un “cereale”, beh…avete sempre sbagliato! Per quanto la somiglianza sia evidente con i classici cereali […]

Discover

Cacao o Cioccolato? Le differenze Per cominciare è bene fare una distinzione tra cacao e cioccolato. Infatti, il primo rappresenta la pianta più precisamente denominata Theobroma cacao, i cui frutti contengono al loro interno numerosi semi o fave; questi/e sono talvolta tostati e venduti da consumare “a crudo” ed è dalla loro macinazione che si ottiene […]

Discover